Bislapis. Tecnologia e innovazione nella lavorazione del marmo

Cos’è Bislapis.

Bislapis è un nome antico. Un nome antico come la pietra, che nasce dall’unione di due parole latine. Bis, che significa “due volte” e Lapis, cioè “pietra”.  Bislapis significa quindi “doppia pietra”.

Bislapis infatti ha brevettato un innovativo procedimento che accoppia sottili lastre di pietra naturale, che diventa così estremamente leggera, resistente e flessibile.

L’obiettivo di Bislapis è molto semplice. Portare la bellezza dei marmi, degli onici e di tutte le pietre naturali – incluse quelle più fragili nel mondo del design, dell’interior e dell’architettura. Dimenticandosi però dei loro punti deboli: peso, rigidità e fragilità.

 

L’intuizione che ha segnato la svolta di Bislapis

Quando si lavora un materiale da oltre 100 anni, si può dire di conoscerlo molto bene. Talmente bene da riuscire a portare innovazioni che ne migliorano prestazioni, funzionalità ed efficienza.

È il caso di Bislapis, brand nato dall’esperienza di Marmi Remuzzi, azienda bergamasca che lavora le pietre naturali fin dal 1907.

L’idea nasce proprio dalla necessità dell’azienda di trovare risposte concrete ad un progetto particolare che richiedeva lastre sottili ma di grandi dimensioni. Dopo diversi tentativi, ecco finalmente l’intuizione…

Il responsabile del settore produttivo sperimenta con successo una soluzione che sarà il primo passo verso questa nuova tecnologia. Aveva rinforzato le lastre con un particolare procedimento, non sul lato posteriore come da tradizione, bensì all’interno di esse.

Fino ad allora, infatti, le lastre di marmi fragili – che corrispondono a circa l’80% delle pietre – vengono resinate e rinforzate solo sulla facciata posteriore. Un procedimento che permette di irrobustirle ma che porta in sé un grosso limite. Il marmo così trattato è in grado di sopportare flessioni parziali solo in una direzione, ma è desinato a cedere se viene sollecitato in direzione opposta.

Grazie all’idea di Bislapis, che ha inserito un rinforzo strutturale al centro della lastra (e non più sul lato posteriore, come si è sempre fatto), la resistenza della pietra aumenta notevolmente da entrambi i lati.

Il brevetto internazionale Bislapis

Dopo una serie di esperimenti, dapprima su lastre di piccole dimensioni ma poi, via via, sempre più grandi, Bislapis ha perfezionato questa tecnologia fino ad arrivare alla soluzione odierna, che consente alla lastra performances altissime.

Ovviamente, visto il grado di innovazione, Bislapis ha deciso di depositare il brevetto e di avviare un sistema collaudato di produzione.

Il brevetto Bislapis è caratterizzato anche da un alto grado di sicurezza. Un’eventuale rottura del materiale porterà la pietra a creparsi e non a un collassare pericolosamente, come avviene con le lastre tradizionali. Un po’ come succede con i vetri di sicurezza usati, ad esempio, per i box doccia.

Bislapis. Un’invenzione con infinite possibilità di utilizzo.

Oggi tutti i progettisti, gli architetti e in designer possono portare l’utilizzo di marmi e delle pietre naturali a nuovi confini.

Grazie a questa innovativa idea di Bislapis, sono infatti in grado di progettare oggetti in pietra con spessori mai osati prima.

Grazie al suo spessore ridotto, alla sua versatilità e alla sua resistenza senza precedenti, la lastra di marmo Bislapis si presta perfettamente alla realizzazione di moltissimi oggetti di design. E anche a suggerire un uso della pietra inimmaginabile fino a oggi.

La tecnologia brevettata Bislapis è infatti l’unica al mondo che permette di unire pietre naturali con caratteristiche fisiche, meccaniche e cromatiche diverse. Riducendo il peso e lo spessore della doppia lastra fino a soli 12 mm, ma garantendo un’ottima resistenza anche a flessioni importanti.

Le finiture

Le lastre possono avere una finitura lucida o opaca. Scegliendo poi marmi o onici traslucidi, i progettisti hanno l’opportunità di progettare oggetti, lampade, pannelli retroilluminati o pareti divisorie creando giochi di luce e profondità del tutto inedite.
È possibile inoltre abbinare una lastra di marmo a materiali diversi, come ad esempio l’ottone, per insolite composizioni.

Le combinazioni dei materiali sono pressoché infinite così da lasciare la massima creatività ai progettisti. E dato che le pietre sono un prodotto naturale, con i colori e le venature che variano da un taglio all’altro, ogni oggetto sarà sempre unico e diverso da tutti gli altri.

L’ufficio design Bislapis ha immaginato una linea di prodotti e accessori. Ma principalmente Bislapis vuole dare il massimo supporto a progettisti, architetti e designer perché possano realizzare i loro progetti su misura, realizzati con l’abbinamento dei marmi preferiti.

Alcuni abbinamenti possibili di pietre naturali per le lastre Bislapis

In collaborazione con Bislapis.
Per visitare il sito dell’azienda, cliccare qui

Author

Design Street seleziona e racconta ogni giorno le idee più innovative e i migliori prodotti di design da tutto il mondo. Design Street è considerato uno dei più autorevoli blog indipendenti dedicati al design contemporaneo. Nel 2017 ha vinto il premio "Best Design Media"

1 Comment

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.