È l’architetto portoghese Ines Lobo la vincitrice della seconda edizione dell’arcVision Prize – Women and Architecture 2014, il prestigioso premio internazionale di architettura al femminile istituito da Italcementi Group.

La vincitrice è stata scelta all’unanimità dai giurati quale architetto versatile, riconosciuta per la sua capacità di lavorare su diverse scale, integrando nuovi edifici nell’esistente tessuto urbano e risolvendo in modo creativo problemi architettonici complessi.

Il premio è stato assegnato a Bergamo nella cornice di i.lab, l’avveniristico centro ricerca e innovazione di Italcementi, progettato da Richard Meier.  Nella short list erano state selezionate 21 progettiste provenienti da 15 Paesi: Austria, Cile, Egitto, Francia, Germania, Giappone, India, Irlanda, Italia, Marocco, Portogallo, Spagna, Svizzera, Thailandia, USA.

Oltre al premio assoluto, è andata una menzione d’onore alla svizzera Anna Heringer, titolare di uno studio professionale a Laufen in Germania;

Una menzione speciale è andata all’architetto indiano Shimul Jhaveri Kadri.

E ancora una menzione speciale all’architetto cileno Cecilia Puga.

www.arcvision.org

www.italcementigroup.com

Author

Design Street seleziona e racconta ogni giorno le idee più innovative e i migliori prodotti di design da tutto il mondo. Design Street è considerato uno dei più autorevoli blog indipendenti dedicati al design contemporaneo. Nel 2017 ha vinto il premio "Best Design Media"

1 Comment

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.