Rivisitazioni “wireframe” delle icone del design

Editor:

Jan Plechac, classe 1984, è un giovane designer della Repubblica Ceca. Già vincitore di numerosi premi, il suo ultimo progetto si chiama Icons: una reinterpretazione “wireframe” di arredi che hanno fatto la storia del design, realizzati in tondino d’acciaio.

Ha solo 27 anni ma nel suo Paese ha fatto incetta di concorsi. E a buona ragione. Jan Plechac, infatti, ha saputo farsi notare con una serie di arredi che sembrano quasi disegnati nell’aria. Si tratta di una stilizzazione “wireframe” di alcuni pezzi “famosi” di design: dalla sedia in stile “Luigi” alla poltrona Kubus di Josef Hoffmann, dalla Red and Blue di Gerrit Rietveld agli sgabelli Walnut degli Eames, passando per un pezzo super contemporaneo, il cuscino gigante Fatboy. Purtroppo sarà difficile vedere realizzate industrialmente queste originali e ironiche citazioni; con molta probabilità, però, diventeranno oggetti “cult” per collezionisti.

Ph. J. Moravec, K. Hrabetova, T. Brabec e Laura Molteni (Salone Satellite)

http://www.janplechac.com

 

 

Design Street

Design Street

Design Street seleziona e racconta ogni giorno le idee più innovative e i migliori prodotti di design da tutto il mondo. Design Street è considerato uno dei più autorevoli blog indipendenti dedicati al design contemporaneo. Nel 2017 ha vinto il premio "Best Design Media"

Articoli bio

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.