Targa Bonetto. Ecco tutti i vincitori dell’edizione 2017

Editor:

La targa Rodolfo Bonetto

La Targa Bonetto è un prestigioso premio istituito nel 1991 da Marco Bonetto in onore del padre, Rodolfo Bonetto. Il premio è dedicato agli studenti delle scuole di design e delle università di design di tutto il mondo.

Caratteristica del premio è quella di concentrarsi non solo sul design come forma estetica, ma anche e soprattutto al design creativo e fuori dagli schemi. A chi sa coniugare le sperimentazioni coraggiose e visionarie, forza dirompente dei giovani studenti, con le reali esigenze di un mercato in continua evoluzione. La targa Bonetto vuole infatti incentivare e premiare quei progetti pensati per migliorare le funzioni delle cose o le abitudini delle persone.

La Targa Bonetto ha alle spalle un prestigioso Comitato Scientifico e una giuria presieduta da Marco Bonetto insieme a architetti, designer, docenti, imprenditori e studiosi di Design.

La Targa Rodolfo Bonetto vanta il patrocinio dell’ADI, l’Associazione per il Disegno Industriale e della Fondazione ADI Collezione Compasso d’Oro.

Rodolfo Bonetto

Rodolfo Bonetto è stato uno dei più grandi designer italiani del secolo scorso. Nato a Milano nel 1929, Rodolfo Bonetto si distinse subito per il suo spirito eclettico e innovatore. Batterista affermato, si dedicò al design da autodidatta (come tantissimi maestri del design suoi contemporanei), prima nel campo dell’automotive (suo zio Felice Bonetto fu un celebre pilota automobilistico), come consulente di Pininfarina.

Nel 1958 aprì il suo studio a Milano e fino al 1991, anno della sua morte, disegnò oltre 900 prodotti. Fu direttore dell ADI, docente universitario, ricevette ben 8 Compassi d’oro di cui l’ultimo, postumo, alla carriera.

Oggi lo studio Bonetto Design è portato avanti dal figlio di Rodolfo, Marco, che ha seguito le orme del padre e che è anche lui oggi uno dei più raffinati designer industriali contemporanei.

Per chi volesse approfondire la conoscenza di Rodolfo Bonetto, consigliamo di visitare la pagina Wikipedia dedicata a Rodolfo Bonetto.

Targa Bonetto 2016

Vuoi conoscere tutti i vincitori del 2016? Vai al link; Targa Rodolfo Bonetto 2016

Il primo premio 2017

Il vincitore della Targa Bonetto 2017 ha ricevuto in premio una Vespa Piaggio personalizzata ad hoc da Garage Italia Customs, la società di customizzazione fondata da Lapo Elkann. Una vespa dalla livrea “gessata” in un elegante color blu satinato.

Tutti i vincitori della XXII Targa Rodolfo Bonetto

1° CLASSIFICATO: 

Ha vinto la Targa Rodolfo Bonetto 2017 il progetto DB-SHOES, una scarpa pensata appositamente per i diabetici, disegnata da Carmen Ianiro, ISIA di Pescara.

Un settore, del medicale, poco frequentato dal design. La scarpa si compone di una suola con tomaia morbida, traspirante e intercambiabile, La suola è integrata con sensori per la temperatura, per il pH e per l’idratazione della pelle, dati particolarmente sensibili nella persona diabetica. I dati vengono inviati dalla suola a un’ App sullo smartphone, per tenere sempre sotto controllo le condizioni del piede e quindi possibili problemi dovuti alla malattia.

2° CLASSIFICATO: 

Il secondo premio è andato al progetto KOI, un indumento trasformabile che da gilet diventa sacco a pelo. Il materiali innovativo con cui è realizzatoi, un eco-tessuto ricavato dalla fibra del legno di betulla, è resistente, traspirante e offre un’alta capacità di termoregolazione. Lo hanno progettato Iryna Kucher e Luisa Eckert, studentesse dell’ISIA Roma (sede di Pordenone).

3° CLASSIFICATO:

Al terzo posto il progetto SEI, una mensola multifunzione, che può essere un reggi-bicicletta, una piccola libreria, uno svuota-tasche. Designer, Francesco Claudio Lindo dell’IAAD, l’Istituto d’Arte Applicata e Design di Torino.

GLI ALTRI PREMI 

Durante la serata di consegna dei premi Targa Bonetto 2017, sono state consegnate anche 5 menzioni speciali, un premio della giuria e una Targa d’onore.

Menzioni speciali

1. EVOLVE, tovaglietta salva-briciole, Simone Bertolino, IAAD Istituto d’Arte Applicata e Design, Torino.

2. ILDY, taglia-torta, Antonio Ynca e Riccardo Storchi, IAAD Istituto d’Arte Applicata e Design, Torino.

3. MACRA, imballaggio temporaneo per oggetti fragili, Lucia Cecchinè, Accademia di Brera, Milano.

4. PITAGORA, strumento propedeutico all’insegnamento della musica ai bambini, Rita Lombardi e Lucia Caron, IAAD Istituto d’Arte Applicata e Design, Torino.

5. SALVO, kit per il primo soccorso, Valeria Marchionni, ISIA Pescara.

Targa d’onore

La targa d’onore 2017 è stata consegnata alla rivista DOMUS, testata simbolo della cultura architettonica e strumento di valore internazionale. Si pone dalla sua fondazione come imprescindibile punto di riferimento per l’evoluzione del progetto di architettura e come veicolo fondamentale per la promozione del design italiano nel mondo.

Premio della Critica

L’ultimo premio della Targa Rodolfo Bonetto, il premio della critica, è andato al progetto HANDSEE, una camera sensoriale per bambini di Francesca Abbatantuono, del Politecnico di Milano.

 

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *