Se non puoi riciclarla puoi ripararla

Editor:

L’innovativa lampada TypeC porta la firma di Kenneth Grance, design director di Anglepoise. Un prodotto tecnologico realizzato con materiali di alta qualità e perfettamente in linea con lo stile britannico dell’azienda.

Anglepoise ha alle spalle una tradizione centenaria, e da decenni le sue lampade da scrivania si caratterizzano per un particolare sistema di bilanciamento: George Cawardine, un ingegnere specializzato nella progettazione di sospensioni per le macchine, lo mise a punto una settantina di anni fa.

Ancora oggi, nel nuovo modello TypeC, dotato di un variatore sensibile al tocco di un dito e della “light-level memory”, ritroviamo quello stesso sistema di bilanciamento accompagnato da un’avanzata tecnologia a LED, da un design sinuoso e dalla scelta di materiali di alta qualità come il vetro, l’acciaio inossidabile e l’alluminio anodizzato.

Ma se a volte i prodotti tecnologici corrono il rischio di rompersi e di non poter essere facilmente riparati, questa lampada è stata progettata all’insegna della sostenibilità: testa e driver sono sostituibili, così che TypeC possa essere aggiornata o aggiustata qualora si presentasse qualche inconveniente. In questo modo l’azienda ha voluto “allungare” la vita del prodotto, cercando di combattere la cattiva abitudine dello spreco senza sposare necessariamente quella (più sana) del riciclo.

www.anglepoise.com

 

 

 

 

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.