Il meglio del design portoghese

Editor:

 

Il meglio del design portoghese è approdato, per il secondo anno consecutivo, al London Design Festival. Lo ha fatto con l’interessante collettiva “RAW”. La mostra, presentata alla London Design Fair,  che ha messo in luce la nuova generazione di designer portoghesi e i loro progetti più interessanti.

Tema conduttore della mostra è stata la sperimentazione con i materiali per creare un design che privilegi la materia anche allo stato grezzo o incompiuto. Da qui il titolo, RAW. della materia all’idea.

Un approccio naturale ma che non disdegna però l’uso delle tecnologie più sofisticate

Tra i lavori presentati dai giovani designer portoghesi, il progetto Glass Cares, una collezione di dieci pezzi in vetro soffiato realizzati durante di workshop a Marinha Grande con i migliori artigiani locali.

Gli arredi artigianali di João Bruno Videira che cerca nai suoi lavori un nuovo approccio all’uso di coloratissimi filati di lana.

La sedia di Riluc in acciaio inossidabile lucido o con un rivestimento in titanio lucido. Una seduta dalle linee curvilinee.

AROUNDtheTREE è un brand creato da una giovane squadra di designer che reinterpreta la cultura e le tradizioni portoghesi, trasformandole in pezzi unici. Molto interessante la loro sedia Roots, la nuova versione di una celebre sedia in acciaio tubolare disegnata da Gonçalo Rodrigues dos Santos nel del dopoguerra.

Linee essenziali e ispirazione nordica per il minimale divanetto disegnato da Rui Alves, designer che proviene da una famiglia di esperti artigiani.

Mishmash è un marchio di cancelleria smart dal design minimalista. I suoi originali quaderni hanno una linea decisamente originale.

Il brand Porventura, che ha sede a Lisbona, utilizza le tradizionali tecniche di falegnameria abbinandole a linee di design e forme ergonomicha. Ne è dimostrazione il “dinamico” tavolo Torta con la sua struttura inclinata.

Sugo Cork Rugs è una collezione unica di tappeti progettati dalla designer Susana Godinho, realizzati a mano con lana, cotone e sughero.

Lo sgabello Oyster, che può essere contemporaneamente seduta e tavolino, caratterizzato da una struttura delle gambe a forma di T.

Le eleganti posate di Herdmar, progettate da Toni Grilo, designer e dal direttore artistico dello storico brand portoghese.

 

 

 

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *