MARKUS: UN RISTORANTE IN EQUILIBRIO TRA PASSATO E FUTURO

Editor:

Il nuovo ristorante Markus di Maurizio De Riggi si è spostato, dopo 6 anni di attività, all’interno un palazzo nobiliare dell’Ottocento di San Paolo Belsito. Una cittadina celebre per aver ospitato l’alta borghesia napoletana quando desiderava allontanarsi dalla già allora frenetica vita del capoluogo partenopeo. Il nuovo Markus, da poco inaugurato, è uno studiato mix tra vecchio e nuovo, dove forme e materiali creano studiati.

Il progetto del nuovo ristorante Markus è dell’architetto Leonardo Caliandro, ma Maurizio De Riggi ha contribuito molto alle scelte progettuali. Come quando ha voluto assolutamente inserire il vecchio lavatoio in cemento peroveniente dalla casa di sua nonna come lavandino. Il risultato è il viaggio, il racconto di una storia in grado di creare equilibrio tra passato e futuro”.

Markus si compone di 2 sale comunicanti e da una piccola cucina a vista. Tutto dominato da un alto soffitto, che sfiora i 5 metri. Grazie alle generose altezze le pareti sono state scelte per ospitare diverse scenografie che dialogano tra loro. L’ingresso è trattato come un sipario teatrale con tende in velluto bordeaux. Un’altra parete ospita collezioni di piatti, orologi e specchi, oggetti in ottone, porcellane e ferro, che ricreano le atmosfere di una casa contadina.

Un’altra ancora è rivestita con doghe in frassino olivato invecchiato, che continuano anche sul soffitto sotto forma di lamelle, rievocando le vecchie locande del borgo. Non manca infine la carta da parati in stile Jungle, tonalità del nero e del verde.

Particolare la piccola cucina a vista, attrezzata con due posti a sedere per degustare i piatti dello chef conversando direttamente con lui.

Per Maurizio De Riggi, Markus rappresenta dunque il racconto di un sogno. Un gioco di citazioni al passato ma ben radicato nel presente, con un equilibrio ricercato tra arte, installazione, cucina e design.

Markus – Food Experience, è in via Ferdinando scala n. 94 a San Paolo Bel Sito (NA)

foto: Andrea Segliani

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *