La grammatica della linea. Mario Gottardi architetto e designer

Editor:

La grammatica della linea. Mario Gottardi architetto e designer.

Prendiamo spunto da una recente mostra, ospitata nella galleria IDEA4MI di via Lanzone 23 a Milano, per parlare di una figura di spicco nel mondo culturale milanese: Mario Gottardi.

Chi era Mario Gottrardi?

Mario Gottardi, 1913-2004, architetto, designer e docente, è stato un colto e brillante professionista, molto attivo tra Venezia e Milano a partire dal dopoguerra fino ai primi anni 90.

La recente iniziativa del figlio Giorgio con Caterina Comi e Paola Maria Gianotti, ha avuto il merito di portare a conoscenza di un pubblico (anche non solo di addetti ai lavori), una parte significativa dell’opera di Mario Gottrardi fatta di foto, disegni e modelli dell’epoca. La mostra ospitava infatti un’ampia documentazione relativa all’architetto di origini veneziane ma milanese di adozione.

Intimamente votato alla sola pratica del lavoro, Mario Gottardi firma una serie e di importanti progetti architettonici, tra cui ville, alberghi, uffici e chiese. Nelle sue opere, il progettista ha dimostrato anche una grande passione nell’interpor design e una spiccata capacità nel creare elementi di arredo su misura.

In questo ambito si segnalano per la particolare qualità, gli interni del teatro San Babila di Milano (foto qui sopra) e dell’hotel Bauer di Venezia(qui sotto), fortunatamente conservati in condizioni originali e fruibili ancora oggi.

Ma altrettanto interesse deriva dallo studio dettagliato e moderno degli spazi e degli arredi per la navigazione civile italiana. L’architetto Gottardo ha infatti partecipato, nel periodo di massimo splendore, agli allestimenti di celebri navi passeggeri che hanno segnato un’epoca irripetibile.

Fortunatamente sono stare realizzate accurate riedizioni di alcuni pezzi di arredo progettati da Mario Gottardi, e realizzati oggi da selezionati artigiani a partire dai suoi disegni originali.

www.mariogottardiarchitetto.it

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *