LIGHTING DESIGN: QUANDO LA LUCE DIVENTA ELEMENTO ARCHITETTONICO

Editor:

C’era una volta la luce che illuminava le cose. Si prendeva un faro, lo si puntava verso un oggetto – un quadro, una scultura, un’architettura – e il lavoro era finito. Oggi il mondo è cambiato rapidamente e i semplici sistemi di illuminazione che si usavano un tempo, non sono più sufficienti.

La luce bisogna saperla controllare, dosare, bisogna sapere quanta utilizzarne e dove farla cadere, bisogna infine studiare il rapporto tra le caratteristiche delle diverse fonti luminose e la superficie della materia. Bisogna, in poche parole creare un progetto di lighting design. Con la luce si deve fare quello che un grande chef fa con il cibo. Che sia un piatto o che sia un progetto di illuminazione, il risultato deve essere unico, deve riuscire a esaltare la materia su cui si va a operare e al tempo stesso suscitare emozioni in chi ne usufruisce.

Il lighting design è oggi uno dei “capitoli” fondamentali della progettazione architettonica, un elemento compositivo e strutturale ad alto valore aggiunto utilizzato dai migliori studi di architettura e interior design per “vestire di luce” spazi outdoor – piazze, strade, giardini, edifici storici o avveniristiche “visioni” contemporanee – sia ambienti indoor, dal terziario agli ambienti della casa.

Il lighting design unisce scienza e arte, ricerca e tradizione, fonde un’altissima tecnologia con la creatività dei progettisti. Ovviamente con il supporto tecnico e la consulenza di aziende in grado di studiare e produrre le soluzioni più innovative, spesso personalizzate per ogni singolo progetto

Aziende come Linea Light Group, leader nel panorama internazionale in fatto di prodotti, sistemi e soluzioni illuminotecniche integralmente made in Italy, che è in grado di fornire ai progettisti gli strumenti e le competenze per ottenere i migliori risultati.

L’azienda di Castelminio di Resana (Tv) nasce nel 1985, quando tre aziende della zona, operanti nel settore dell’illuminazione, si fondono in una nuova realtà, che ne sintetizza le competenze tecnologiche acquisite. Oggi Linea Light Group è suddivisa in quattro brand, ognuno specializzato in un settore tecnologico differente.

i-LèD, specializzata in tecnologia a LED; Tràddel, ovvero Tecnologia è integrazione tra luce e struttura, in grado di offrire sorgenti a luminose a scomparsa; MA[&]DE, che produce lampade più decorative e linealight, ovvero Tecnologia è semplicità: lampade di design dal “cuore tecnologico”.

Oltre a questo, Linea Light Group progetta e realizza prodotti, sistemi e soluzioni illuminotecniche LED indoor e outdoor ad alto contenuto tecnologico ed ecocompatibiIi per architetti, progettisti e lighting designer.

Ne è un esempio l’illuminazione delle splendide Terme di Diocleziano e della Domus Augustea a Roma (recentemente raccontato in un altro post su Design Street), di cui l’azienda ha curato l’illuminazione insieme agli architetti e lighting designer Carolina De Camillis e Riccardo Fibbi.

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *