EICMA 2017. Impressioni dal salone delle moto di Milano

Editor:

EICMA 2017, il Salone della moto più importante al mondo ritorna a Milano. Uno degli appuntamenti più attesi e seguiti dell’anno, in costante espansione di espositori e pubblico, che in questa edizione offre più spazio a innovazione, start up e mobilità sostenibile.

Il settore moto è in crescita, e i prodotti nel complesso risultano sempre più curati e sofisticati, con punte che trasferiscono in modo evidente logiche e soluzioni dal settore premium delle auto.

Da anni il corso comune per tutti, o quasi, è verso l’eccellenza senza compromessi, declinata attraverso una sempre più attenta definizione e assortimento delle proposte, specchio di una pianificazione a monte sempre più accurata e strategica.

A Eicma 2017 La diversificazione tipologica viene praticata ed esplorata al massimo dei contenuti tecnici e simbolici che il mercato possa recepire, ma anche oltre, con proposte ibride: lo scooter crossover, o rivoluzionarie: la tre ruote ad alte prestazioni per “sciare” sull’asfalto.

Il rischio insito in tale dinamica con eccessi di prezzo e prestazioni, che non sempre porta ad incrociare una domanda corposa, viene sempre più bilanciato da prodotti rassicuranti di impostazione e immagine classica (caso dell’anno la riedizione della memorabile Kawasaki 900) che consentono di ampliare il bacino di una utenza potenziale non necessariamente esasperata, come ben dimostrato negli anni da Triumph.

Il tema del classico e della memoria è un filone declinato a vari livelli qui a Eicma: in forme quasi archeologiche coma la rinata mitica Brough, o comunque senza esitazioni di sorta come Norton, Royal Enfield, Indian, Harley Davidson -e ovviamente Triumph-, oppure, in configurazioni più sfumate come il richiamo alla Morini 3½, o alcuni modelli di Benelli, Guzzi, Vespa, con l’aggiunta di Lambretta e Caballero. Non tutti però risultano sempre convincenti.

Foto: ©Marco Forloni-designstreet.it

www.eicma.it

5 thoughts on “EICMA 2017. Impressioni dal salone delle moto di Milano

  1. Tom

    Kawasaky ? Il mio computer corregge questa cavolata automaticamente !
    Morini 3.2 ???? Secondo me si chiamavo 3 ½ …..
    Cosa pensate di rileggere articoli prima pubblicare ?

    Reply
    1. Design Street

      SCUSANDOCI PER I REFUSI, TI RINGRAZIAMO DELLE SEGNALAZIONI!
      PS. A DIMOSTRAZIONE CHE NESSUNO È PERFETTO, TI SEGNALO ANCHE UN REFUSO NELLA TUA RISPOSTA (SI CHIAMAVO…)

      Reply

Ci interessa la tua opinione Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *